Insalata di mare alla busara

archiviata in

Diventata famosa grazie alla cucina popolare di Trieste, la ricetta del pesce alla “busara” ha come base principale crostacei e molluschi, quali moscardini, scampi e calamari. Il termine dialettale “busara” originario delle regioni del Veneto e del Friuli sta a significare “bugia” e per questo si crede che sia nato in seguito a un particolare escamotage utilizzato dai pescatori di un tempo. Questi, infatti, per coprire il sapore degli scarti di pesce, li cucinavano insieme ad alcuni altri ingredienti tipici della cucina nostrana.

Il pesce alla busara viene preparato sia come sugo per la pasta, e per insaporire quindi i primi, sia come vero e proprio secondo. Un ingrediente fondamentale, dopo i crostacei e i molluschi, è il sugo di pomodoro, che oltre a dare un tocco di gusto in più al vostro piatto regalerà alla vostra preparazione una fantastica sfumatura accesa.

Oggi noi vi consigliamo di preparare questa semplice ricetta utilizzando la nostra insalata di mare, così da dare un tocco fantasioso alla vostra cucina.

Ma vediamo insieme i diversi passaggi per un’insalata di mare alla busara dalla bontà autentica:

In una padella fate riscaldare un filo d’olio con uno spicchio di aglio in camicia, per dare aromaticità al piatto; aggiungete, poi, 2 cucchiai di pangrattato e fate tostare il tutto per 2 minuti.

In seguito, unite il misto mare precedentemente scongelato e lasciatelo rosolare, controllando che non si attacchi al fondo della pentola. Non appena il pesce risulterà ben rosolato, sfumate con del vino bianco e lasciate evaporare.

Aggiungete ora i pomodorini, regolate di sale e pepe a piacimento e lasciate cuocere il tutto a fiamma media per 10 minuti circa.

A cottura ultimata, a seconda dei gusti, spolverate il piatto con del prezzemolo tritato fresco.

Se volete dare una marcia in più alla vostra preparazione e se siete amanti dei sapori speziati, potreste aggiungere invece del curry, della paprika o dello zafferano.

Lo Chef consiglia...

Servire con dei crostoni caldi e croccanti, magari insaporiti con delle erbette aromatiche in stile mediterraneo.