Baccalà mantecato alla veneziana

archiviata in

Oltre al classico baccalà alla vicentina, lo stoccafisso può essere utilizzato per preparare un’altra gustosa ricetta veneta, molto delicata e raffinata: il baccalà mantecato alla veneziana. Il pesce viene cotto a lungo e ridotto a consistenza cremosa mescolato ad abbondante olio, aglio e prezzemolo. È ottimo sia come piatto unico che come antipasto accompagnato con polenta o spalmato su crostini di pane.
- Ammollate il nostro Stoccafisso Rivamar (è già ben battuto), in abbondante acqua fredda, cambiandola ogni 6 ore circa, per 2 giorni.
- Tagliatelo a pezzi e ponetelo in un tegame ricomprendono con acqua fredda e 150 ml di latte, poi salate leggermente e portate ad ebollizione.
- Cuocete il baccalà per 20 minuti o anche più fino a quando non sarà cotto e tenero.
- Poi scolatelo, togliete lische e pelle e tagliatelo a pezzettini mettendolo in una ciotola.
- Mescolate energicamente il baccalà con un cucchiaio di legno e aggiungete l’olio a filo ottenendo una crema compatta.
- Salate e pepate e aggiungete un trito di prezzemolo e aglio.
Il vostro baccalà mantecato alla veneziana è pronto per essere servito accompagnato da crostini di pane o polenta.

Lo Chef consiglia...

L'abbinamento perfetto a questo piatto è il Lison Pramaggiore Tocai classico.