Il polpo è un mollusco cefalopode appartenente agli ottopodi, possiede cioè otto tentacoli muniti di ventose, nel maschio uno dei tentacoli funge da organo riproduttore; è un animale molto noto per le sue capacità mimetiche, infatti possiede delle particolari cellule nell’epidermide (cromatofori) che gli permettono di cambiare colorazione in base al substrato nel quale si trova.

Il corpo è a forma di sacco, ventralmente si dipartono i tentacoli che contornano la bocca, dietro la bocca si trova un particolare organo, il sifone, dal quale l’animale fa fuoriuscire l’acqua che viene pompata all’interno del mantello per la respirazione, in caso di necessità è anche in grado di sparare fuori molto violentemente l’acqua dal sifone permettendogli così di compiere rapidi scatti e sfuggire da eventuali predatori; un’altra sua strategia difensiva consiste inoltre nello spruzzare una nuvola di inchiostro nero contro il predatore intorbidendo l’acqua e permettendogli in questo modo di allontanarsi indisturbato.

Fra le specie più diffuse si possono trovare il polpo (Octopus vulgaris) vive nei fondali dell’Oceano Atlantico e nel Mar Mediterraneo, il polpo indopacifico (Octopus membranaceus) diffuso nell’Oceano Pacifico e Indiano.

Il polpo (Octopus vulgaris)  vive in mari caldi e temperati, è presente in tutto il Mediterraneo ed è in grado di adattarsi alle più diverse condizioni, possiamo trovarlo in prossimità della costa o al largo fino a 200 metri di profondità, si adatta perfettamente a fondali rocciosi, sabbiosi oppure alle praterie di posidonia. Nel mediterraneo possiamo trovare due specie di polpi, uno di scoglio e uno di sabbia, il primo però è sicuramente più prelibato e gustoso, ed è possibile distinguerlo da quello di sabbia grazie alla doppia fila di ventose sui tentacoli; i polpi si nutrono di crostacei e molluschi che catturano con i propri tentacoli.

Il polpo in Italia acquista varie denominazioni regionali:

  • Fulbo (Abruzzo)
  • Purpu verace (Calabria)
  • Purpo ‘e scoglio (Campania)
  • Folpo (nord-est)
  • Purpu (Sicilia)
  • Porpo di scoglio (Lazio e Toscana)

I polpi possono raggiungere in alcuni casi considerevoli dimensioni, ne sono stati catturati infatti esemplari anche di 1.5-2 metri di lunghezza e 20 kg di peso; in commercio in genere li troviamo del peso massimo di un chilo, vengono venduti sia freschi che surgelati.

Dal punto di vista nutrizionale, il polpo è un alimento poco calorico e povero di grassi, contiene invece buone quantità di minerali; 100 g di prodotto contengono:

  • 82 calorie
  • 10.6 gr di proteine
  • 1 gr di grassi
  • 1.4 gr di carboidrati
  • 144 mg di calcio
  • 189 mg di fosforo
  • 93 mg di potassio
  • 5.6 mg di ferro
  • 5.1 mg di zinco
  • 1 mg di rame
  • 0.09 µg di vitamina A
  • 0.15 µg di vitamina B1

Fonti:
http://it.wikipedia.org
www.mareinitaly.it
www.lafreschezzadelmare.com
www.vivereilmare.it
www.albanesi.it